fbpx

Spettacolo Arena del Sole “L’armata Brancaleone” sabato 13 novembre

Mappa non disponibile

Data / Ora
Date(s) - 13/11/2021
19: 00 - 21: 00

Luogo
Arena del Sole


Sabato 13 novembre ore 19 Teatro Arena del Sole “L’armata Brancaleone” di Roberto Latini.

Spettacolo da non perdere!

Per i soci Tomax Teatro (mostrando la tessera), avete lo sconto del 50% sul prezzo del biglietto

L’Associazione Tomax Teatro visti i tempi ristretti, se richiesto dal teatro anticiperà i soldi per conto dei propri soci per posti in platea, prezzo 14 euro (già scontato 50%)

se si hanno altre preferenze di posti in altre zone (galleria, palco, barcaccia), potrà recarsi di persona ad acquistare il bilglietto.

L’armata Brancaleone è ora in scena. Ripercorrendo le rocambolesche avventure del nobile cavaliere Brancaleone da Norcia, l’attore e regista Roberto Latini dà vita a una innovativa visione del testo. Con lui, in questo progetto, un ricco cast tra attrici e attori che, in dialogo con la musica, ci riporteranno ai tempi di Aurocastro.

Molti grandi artisti ne hanno formato l’immaginario a noi noto, a partire dai grandi film come quello diretto da Mario Monicelli.
Questa volta, però, sul palcoscenico, l’Armata diventa patafisica.
Diviene un’eccezione, una condizione del pensiero alla quale riferirsi sull’onda di una partitura scenica in cui “Immaginare le parole oltre le parole, sospendersi tra suono e senso”.

Lasciandosi rapire da questo disordine, non si tratta dunque di mettere in scena il film: piuttosto, di trattare la sceneggiatura come fosse un classico del contemporaneo e tentare altro, attraverso quel che sembra.


Note:

“L’Armata Brancaleone non è un film. Forse, non lo è mai stato.
È materia in movimento, antimateria, capace di innovarsi, rinnovarsi di continuo, eppure saldamente nella sensazione familiare di profili conosciuti […] L’amata Armata è qualcosa che nel tempo è riuscita in un altrove; ne è uscita più volte, e ci ha chiamati lì fuori, a raggiungerla, aspettandoci.
È forse una condizione del pensiero, un meccanismo di accensioni, una mappa alla quale riferirsi tentando una scrittura scenica. Una scrittura che diventi scenica.
Age e Scarpelli e Monicelli hanno inventato un’immaginazione.
Hanno convocato parole e le hanno rinominate, ribattezzate, nella grammatica aulico-ciociara di bambini adulti impegnatissimi nella serietà di un gioco antico e modernissimo […] Per leggere la leggerezza bisogna scrivere con gli occhi. Immaginare le parole oltre le parole, sospendersi tra suono e senso. L’armata Brancaleone sembra avere uno spettatore ideale: noi bambini, al riparo dall’età, che inquadriamo ogni inquadratura dal nostro punto di vista, del nostro punto di s-vista, per il quale abbiamo alibi di fantasia.
Quanto lì davanti si ricostruisce allora nelle sfumature del presente, dell’assente, del qui e ora, dell’altrove, del forse, come il teatro che si finge nel teatro.
Elogiandone il disordine, non può trattarsi certamente di mettere in scena il film.
Piuttosto, trattare la sceneggiatura come fosse un classico del contemporaneo e tentare altro attraverso quel che sembra.
Ad Aurocastro, ad Aurocastro, ad Aurocastro! “

Roberto Latini

Dati artistici

drammaturgia e regia Roberto Latini
con Elena Bucci, Roberto Latini, Ciro Masella, Claudia Marsicano, Savino Paparella, Francesco Pennacchia, Marco Sgrosso, Marco Vergani
musica e suoni Gianluca Misiti
luci e direzione tecnica Max Mugnai
scena Luca Baldini
costumi Chiara Lanzillotta
produzione Teatro Metastasio di Prato, ERT / Teatro Nazionale

foto di Guido Mencari

Prenotazioni

Le prenotazioni sono chiuse per questo evento.